Warning: "continue" targeting switch is equivalent to "break". Did you mean to use "continue 2"? in /home/aiigdb2x/public_html/OLD_gennaio2019/wp-content/plugins/revslider/includes/operations.class.php on line 2854

Warning: "continue" targeting switch is equivalent to "break". Did you mean to use "continue 2"? in /home/aiigdb2x/public_html/OLD_gennaio2019/wp-content/plugins/revslider/includes/operations.class.php on line 2858

Warning: "continue" targeting switch is equivalent to "break". Did you mean to use "continue 2"? in /home/aiigdb2x/public_html/OLD_gennaio2019/wp-content/plugins/revslider/includes/output.class.php on line 3708
Rivista - n.2 / 2009 - Aiig

Rivista – n.2 / 2009

2009 - n2
libro

RICONOSCIMENTI E PROBLEMI

La storia dell’Associazione Italiana Insegnanti di Geografia è costellata di momenti, più o meno felici e significativi.

Le preoccupazioni maggiori riguardano le sorti della nostra disciplina. Ma prima desidero partire dagli eventi felici, per esprimere la soddisfazione per
un’importante attestazione ottenuta dalla nostra Rivista: la Commissione di esperti, operante presso il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, l’ha
riconosciuta pubblicazione “di elevato valore culturale per il rigore scientifico con il quale viene svolta la trattazione degli argomenti”.

Questa manifestazione di apprezzamento premia l’AIIG e soprattutto l’impegno e la professionalità, veramente encomiabili, profusi dal Direttore Carlo Brusa, oltre che dalla struttura che lo affianca: il Consiglio Scientifico, il Comitato di redazione, lo staff delle Edizioni Mercurio.

Ricordiamo che la positiva valutazione gratifica un lungo percorso della Rivista, che ha registrato, sotto la presidenza nazionale di Peris Persi e la direzione di Gianfranco Battisti, importanti progressi nel campo didattico-scientifico, oltre al rinnovamento della grafica e del formato. A Persi, tra l’altro, si deve la nuova titolazione della testata, con l’inserimento di “Ambiente Società Territorio”, che ne amplia gli orizzonti di indagine, accrescendone profilo e spessore.

La qualificazione della Rivista completa un quadro di riconoscimenti, che hanno contribuito ad aumentare il prestigio dell’AIIG: dall’attribuzione di “Associazione qualificata per la formazione del personale docente” a quella di “Ente per la protezione ambientale”, fino al più recente passo (ottobre 2008), compiuto con la firma del Protocollo d’Intesa con il Ministero dell’Istruzione.

L’ultimo Rapporto biennale, redatto dal Segretario nazionale Daniela Pasquinelli d’Allegra, offre l’opportunità di apprezzare il capillare operato
dell’AIIG, attraverso una straordinaria quantità di efficaci iniziative, capaci di interpretare al meglio le diverse esigenze di docenti, cultori della materia e studenti. Il Report rappresenta una preziosa testimonianza di quanto la nostra azione possa produrre sul piano culturale e sociale, rivelandosi
come risorsa originale e impareggiabile per la diffusione della formazione geografica e dei valori, ad essa correlati, di salvaguardia ambientale, di sostenibilità dello sviluppo, di solidarietà e integrazione di diverse culture.

Le soddisfazioni, però, non possono farci dimenticare le apprensioni per il percorso di riforma della scuola, che prospetta un ridimensionamento del monte-ore delle discipline e una riduzione del numero delle classi di concorso. Anche in questo caso l’AIIG, non mossa da spinte corporative inattuali e inopportune, farà sentire forte la sua voce per ribadire il valore cruciale della Geografia nella formazione dei ragazzi.
Riguardo alle classi di concorso (in fase di ridefinizione), ribadiamo che l’insegnamento della Geografia, scienza che studia l’umanizzazione della Terra, manifesta caratteristiche così specifiche da richiedere un docente apposito con distinta classe, come è tradizione consolidata.

Le bozze ministeriali rivelano l’assenza della disciplina nei bienni dei Licei Artistico e Musicale, nonché in gran parte degli Istituti Tecnici. In tal
caso si priverebbero gli studenti di conoscenze indispensabili e di un sapere strategico per la formazione dei cittadini intorno ai temi cruciali della
globalizzazione, della sostenibilità, dell’identità e dell’orientamento culturale nel mondo contemporaneo.

Va segnalata, inoltre, l’assenza di conoscenze relative al nostro Paese, il cui studio rimarrebbe limitato alla scuola primaria, non consentendo analisi più complesse e mature negli studi successivi. Riguardo agli Istituti Tecnici, sorprende l’assenza della Geografia negli indirizzi Logistica e Trasporti,
Agricoltura e sviluppo rurale e Costruzioni, ambiente e territorio. Nell’indirizzo Amministrazione, Finanze e Marketing (ex Istituto Tecnico Commerciale) la Geografia comparirebbe solo nel primo biennio, mentre nel passato e nei precedenti assetti di riforma era presente anche nel secondo biennio. Si tratta di
un arretramento grave, che priva i ragazzi di imprescindibili strumenti di analisi dei modelli di localizzazione e distribuzione delle attività umane e dei processi fisici; dei legami di interdipendenza tra persone e luoghi; delle relazioni di tipo socio-economico e politico; delle relazioni tra economia e pianificazione del territorio.

Siamo davvero giunti a un punto cruciale, di netta ridefinizione di saperi e di cattedre. Voglio assicurare che l’impegno mio personale, e dei Consiglieri nazionali, è continuo e massimo in una fase decisiva.
Invito tutti Voi, anche nei dibattiti che si aprono nelle diverse realtà regionali, a far comprendere il valore insostituibile della nostra disciplina, continuando a darne dimostrazione, con la vostra azione, nella scuola e nella società.

Gino De Vecchis

indice

1. Indice

2. Editoriale: Riconoscimenti e problemi, di Gino De Vecchis

CONTRIBUTI

3. La geografia alla luce dei riflettori: Jean-Robert Pitte eletto Accademico di Francia, di Giuliana Andreotti

4. Lectio Magistralis, di Jean-Robert Pitte

7. Dubai: uno spunto per una nuova lettura dello sviluppo del territorio, di Nicoletta Varani

15. Progetti e strumenti a supporto della Geografia e della Cartografia: la “terra digitale” ed i mappamondi virtuali, di Andrea Favretto

21. Eventi culturali e politiche urbane nelle città medie: il caso di Potenza, di Annalisa Percoco

26. Le fibre naturali: riflessioni in occasione dell’Anno Mondiale 2009, in Il pianeta degli uomini, rubrica di Giorgio Nebbia

LABORATORIO DIDATTICO

28. L’Italia attraverso le carte tematiche. Il tasso di disoccupazione: differenze che si aggravano con la crisi economica, di Cristiano Pesaresi

31. È possibile vedere la cultura immateriale nell’ambiente?, di Giuliano Bellezza

35. Concorso: ‘Luoghi come paesaggi’. Gli alunni della scuola primaria alla IV Festa della geografia, di Cecilia Piovanelli

EVENTI E NOTE

37. Festival dell’architettura – ‘Pubblico paesaggio’; I Lunedì della Geografia Cafoscarina. Il decennale, di Davide Papotti

38. Lelio Pagani, geografo e cittadino illustre di Bergamo, di Mario Fumagalli

39. Didattica geografica e storica dell’Europa Orientale, di Paolo Molinari

39. Giornate di studio Interdisciplinare ‘Identità territoriali’, di Cristiano Pesaresi

40. Integrazione scolastica: strumenti e strategie per facilitare l’apprendimento degli studenti stranieri, di Carlo Brusa

42. L’attualità del concetto di paesaggio: riflessioni su alcuni recenti eventi, di Davide Papotti

45. Recensioni e segnalazioni

48. Vita dell’Associazione

Copertina

Inserto fronte e retro:

IL TELERILEVAMENTO PER L’OSSERVAZIONE DEL NOSTRO PIANETA DALLO SPAZIO

Maurizio FEA, European Space Agency (ESA) – ESRIN, Frascati

Boxed
Wide

Main Background

Color Scheme